La paura della vecchiaia

“Ma non abbiamo altro di meglio di cui parlare? Per carità, cambiamo discorso!”

Sono spesso queste le parole di risposta che udiamo quando, magari a tavola con gli amici, decidiamo di raccontare della morte di qualcuno che conoscevamo. Della morte è sconveniente parlare e, in certe situazioni, si rischia pure di apparire maleducati e fuori contesto. Questo si intende per tabù della morte. E la nostra cultura ne è immersa.

Come possiamo imparare a integrarlo nella nostra vita, per arricchirci reciprocamente di nuove consapevolezze? A parlarcene è la dott.ssa Maria Augusta De Conti dell’équipe di Rimanere Insieme ADVAR che da anni se ne occupa.

 

Il tabù della morte è un fenomeno proprio della nostra epoca e, per certi aspetti, ancora di più dei nostri giorni. Parallelamente a esso, cresce la necessità di migliorare l’aspetto fisico e dedicarsi alla cura del corpo, inteso come una macchina che, se continuamente messa a punto, illusoriamente non avrà mai problemi. Crediamo di avere un corpo e dimentichiamo, paradossalmente, che siamo un corpo su cui si riverberano forza e fragilità e il cui stato ci segnala una condizione che è sempre di tipo psico-fisico.

Il mito del benessere e la paura della vecchiaia

Il mito del benessere, dell’eterna giovinezza, del corpo perfetto da una parte, e dell’inesorabile perdita di valore degli anziani nella nostra società dall’altra, sono due fenomeni che, contraddittoriamente, oggi convivono. Le persone vivono molto più a lungo di un tempo e il numero degli anziani supera quello dei giovani. Eppure, non si è mai assistito, come in quest’epoca, a così tanta solitudine e poca considerazione per la terza età. Gli anziani – parola questa che è una specie di eufemismo per non pronunciare quella che terrorizza, cioè vecchi -, da parte loro, devono apparire sempre sorridenti, pronti a ballare, a sentirsi giovani e pimpanti, anche quando scendono dal montascale.  Non c’è spazio per l’idea di una morte che si avvicina, passando pian piano attraverso la naturale perdita delle proprie abilità.

Un tempo, arrivare agli ottanta, novant’anni era quasi impensabile.  Si moriva molto presto, spesso falcidiati in massa giovanissimi, durante le tante guerre che hanno flagellato l’umanità. Ci basti visitare un qualsiasi cimitero militare italiano per renderci conto di questo. Era, dunque, chiaro che la giovinezza era un periodo della vita, e non il paradigma della vita, un periodo destinato a passare presto per far posto alla maturità e, se si era fortunati, alla vecchiaia.

Il vecchio era trasmettitore di saggezza e di antichi saperi.

C’è una sequenza nel famoso film di Ermanno Olmi, L’albero degli zoccoli, in cui il nonno insegna ai nipoti il segreto per far crescere le pianticelle di pomodori, per portarli  per primi al mercato: le si colloca in un posto al sole vicino a un muro e, così, il calore del sole assorbito dalla parete favorisce la crescita precoce delle piantine.

Ora chi ci tramanda più queste semplici pratiche? Il vecchio è diventato una persona da accudire più che da ascoltare o da cui imparare. I giovani, dal canto loro, sono soprattutto attratti dalla tecnologia – i cosiddetti nativi digitali – su cui ormai si basa tutta la nostra società. Il risultato di tale separazione può ostacolare il dialogo intergenerazionale soprattutto su temi importanti come il dolore e la morte.

 

Il coraggio di parlarne

Una volta si poteva attingere a forme espressive, anche convenzionali e retoriche, che rendevano esprimibile la durezza della morte, perché non era scandaloso far convivere la morte con la vita. Inoltre, tutta la famiglia si presentava al capezzale del morente, e tutti vivevano insieme l’evento della morte, bambini compresi. La vecchiaia era venerata, anche se a volte era pesantissimo vivere sottomessi alla volontà del patriarca. Lo sentiamo dai racconti dei vecchi contadini ancora viventi. Quindi, non si tratta di avere nostalgia del buon tempo antico, ma di avere consapevolezza che la morte è il traguardo inesorabile a cui arriviamo tutti e che non possiamo non integrarla nella vita. Certo, per poter vivere in modo equilibrato, è necessario che la morte sia messa sullo sfondo, altrimenti saremmo travolti da un’angoscia paralizzante. Eppure, la consapevolezza che siamo destinati a morire e che una sostanziale precarietà segna la nostra vita va accolta e fatta propria.

La pandemia ci ha sbattuto in faccia questa dura realtà. Ci ha messo davanti, in modo brutale, la precarietà sostanziale in cui siamo immersi e il tabù della morte che abbiamo creato nella nostra società.

Come si può verificare, allora, se la morte e il dolore sono integrati nella nostra vita?

Non penso che si possa rispondere facilmente a questa domanda. Ognuno sa, nei vari momenti della sua esistenza, quanto sia difficile dare una risposta univoca e risolutiva a questo quesito.

Tuttavia, la mia personale esperienza – vissuta per anni prima accanto ai malati terminali e poi alle persone che vivono un lutto – mi spinge a sottolineare che la consapevolezza della nostra fine e il coraggio di parlarne sono una strada che, seppur accidentata e non sempre facilmente percorribile, ci fa assaporare con pienezza la vita.

 

Gustare il presente fino in fondo

Non credo di dire nulla di nuovo e già tanto è stato pronunciato e scritto su questo, fin dall’Antichità. Mi limito a ricordare che avere consapevolezza che dobbiamo morire e che la nostra vita terminerà, è di sprone, perché la viviamo fino in fondo, coscienti che tutto avrà una fine e che la vita, proprio per questo, non va sprecata.  Impariamo quindi a stare nella vita presente – crediamo o meno che continui dopo la morte -, a gustarla fino in fondo, senza essere attanagliati dal passato o dal futuro imminente che, a volte, ci fa ancora più paura del passato, spesso ricco di bei ricordi. Consapevoli di essere finiti e limitati, dunque, non cessiamo mai di cercare di vivere intensamente nel presente. Questo significa imparare ad amare e comprendere pure la fatica di vivere che, ogni giorno, le fasi dell’esistenza ci riservano. Vuol dire arrivare anche alla consapevolezza che, per vivere fino in fondo, è necessario far posto anche alla tristezza che, come dice il monaco Enzo Bianchi, “si affaccia nella sua sobrietà come malinconia, turbamento dominato, silenziosa mancanza”. Egli ricorda che gli uomini e le donne dell’antica tradizione cristiana, parlavano di ‘radiosa tristezza’, perché è “come la luce del tramonto che fa palpitare il cuore, fa tacere il cuore umile non altero e ci fa attendere un altro giorno”. Recita un haiku (componimento poetico nato in Giappone composto da soli tre versi), citato sempre da Bianchi:

“Il camino è acceso, il silenzio mi avvolge, gusto la tristezza!”

Maria Augusta De Conti – ADVAR Rimanere Insieme

 

La solidarietà è un dono che attraversa il tempo.


Lasciti Testamentari
Solidali

Leggi di più
[gravityform id="357" title="false" description="false" ajax="true"]
<script type="text/javascript">var gform;gform||(document.addEventListener("gform_main_scripts_loaded",function(){gform.scriptsLoaded=!0}),window.addEventListener("DOMContentLoaded",function(){gform.domLoaded=!0}),gform={domLoaded:!1,scriptsLoaded:!1,initializeOnLoaded:function(o){gform.domLoaded&&gform.scriptsLoaded?o():!gform.domLoaded&&gform.scriptsLoaded?window.addEventListener("DOMContentLoaded",o):document.addEventListener("gform_main_scripts_loaded",o)},hooks:{action:{},filter:{}},addAction:function(o,r,n,t){gform.addHook("action",o,r,n,t)},addFilter:function(o,r,n,t){gform.addHook("filter",o,r,n,t)},doAction:function(o){gform.doHook("action",o,arguments)},applyFilters:function(o){return gform.doHook("filter",o,arguments)},removeAction:function(o,r){gform.removeHook("action",o,r)},removeFilter:function(o,r,n){gform.removeHook("filter",o,r,n)},addHook:function(o,r,n,t,i){null==gform.hooks[o][r]&&(gform.hooks[o][r]=[]);var e=gform.hooks[o][r];null==i&&(i=r+"_"+e.length),gform.hooks[o][r].push({tag:i,callable:n,priority:t=null==t?10:t})},doHook:function(o,r,n){if(n=Array.prototype.slice.call(n,1),null!=gform.hooks[o][r]){var t,i=gform.hooks[o][r];i.sort(function(o,r){return o.priority-r.priority});for(var e=0;e<i.length;e++)"function"!=typeof(t=i[e].callable)&&(t=window[t]),"action"==o?t.apply(null,n):n[0]=t.apply(null,n)}if("filter"==o)return n[0]},removeHook:function(o,r,n,t){if(null!=gform.hooks[o][r])for(var i=gform.hooks[o][r],e=i.length-1;0<=e;e--)null!=t&&t!=i[e].tag||null!=n&&n!=i[e].priority||i.splice(e,1)}});</script> <div class='gf_browser_unknown gform_wrapper gform_legacy_markup_wrapper' id='gform_wrapper_357' ><div id='gf_357' class='gform_anchor' tabindex='-1'></div><form method='post' enctype='multipart/form-data' target='gform_ajax_frame_357' id='gform_357' action='/news/rimanere-insieme/la-paura-della-vecchiaia/#gf_357' novalidate> <div class='gform_body gform-body'><ul id='gform_fields_357' class='gform_fields top_label form_sublabel_below description_below'><li id="field_357_12" class="gfield select-eventi gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label gfield_label_before_complex' >Seleziona l&#039;evento per cui vuoi effettuare la prenotazione<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_checkbox'><ul class='gfield_checkbox' id='input_357_12'><li class='gchoice gchoice_357_12_1'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.1' type='checkbox' value='2 ottobre - Cena di Gala “ELEGANZA A TAVOLA”' id='choice_357_12_1' /> <label for='choice_357_12_1' id='label_357_12_1'>2 ottobre - Cena di Gala “ELEGANZA A TAVOLA”</label> </li><li class='gchoice gchoice_357_12_2'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.2' type='checkbox' value='3. ottobre - Pranzo “OLTRE NOI”' id='choice_357_12_2' /> <label for='choice_357_12_2' id='label_357_12_2'>3. ottobre - Pranzo “OLTRE NOI”</label> </li><li class='gchoice gchoice_357_12_3'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.3' type='checkbox' value='5 ottobre - Cena “INSIEME” con i volontari, gli operatori ADVAR e i loro familiari' id='choice_357_12_3' /> <label for='choice_357_12_3' id='label_357_12_3'>5 ottobre - Cena “INSIEME” con i volontari, gli operatori ADVAR e i loro familiari</label> </li><li class='gchoice gchoice_357_12_4'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.4' type='checkbox' value='8 ottobre - Apericena musicale “LA GIOIA”' id='choice_357_12_4' /> <label for='choice_357_12_4' id='label_357_12_4'>8 ottobre - Apericena musicale “LA GIOIA”</label> </li><li class='gchoice gchoice_357_12_5'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.5' type='checkbox' value='9 ottobre - Cena “RITORNO al PASSATO”' id='choice_357_12_5' /> <label for='choice_357_12_5' id='label_357_12_5'>9 ottobre - Cena “RITORNO al PASSATO”</label> </li><li class='gchoice gchoice_357_12_6'> <input class='gfield-choice-input' name='input_12.6' type='checkbox' value='10 ottobre - Pranzo “IL CHURRASCO”' id='choice_357_12_6' /> <label for='choice_357_12_6' id='label_357_12_6'>10 ottobre - Pranzo “IL CHURRASCO”</label> </li></ul></div></li><li id="field_357_5" class="gfield gf_left_half gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label' for='input_357_5' >Nome<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_text'><input name='input_5' id='input_357_5' type='text' value='' class='medium' aria-required="true" aria-invalid="false" /> </div></li><li id="field_357_4" class="gfield gf_right_half gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label' for='input_357_4' >Cognome<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_text'><input name='input_4' id='input_357_4' type='text' value='' class='medium' aria-required="true" aria-invalid="false" /> </div></li><li id="field_357_2" class="gfield gf_left_half gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label' for='input_357_2' >Email<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_email'> <input name='input_2' id='input_357_2' type='email' value='' class='medium' aria-required="true" aria-invalid="false" /> </div></li><li id="field_357_7" class="gfield gf_right_half gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label' for='input_357_7' >Telefono<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_phone'><input name='input_7' id='input_357_7' type='tel' value='' class='medium' aria-required="true" aria-invalid="false" /></div></li><li id="field_357_8" class="gfield gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label' for='input_357_8' >Indica qui il numero dei partecipanti all’evento<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_number'><input name='input_8' id='input_357_8' type='number' step='any' min='1' max='99' value='' class='medium' aria-required="true" aria-invalid="false" aria-describedby="gfield_instruction_357_8" /><div class='instruction ' id='gfield_instruction_357_8'>Inserisci un numero compreso tra <strong>1</strong> e <strong>99</strong>.</div></div></li><li id="field_357_10" class="gfield gfield_contains_required field_sublabel_below field_description_below gfield_visibility_visible" ><label class='gfield_label gfield_label_before_complex' >Consenso<span class="gfield_required"><span class="gfield_required gfield_required_asterisk">*</span></span></label><div class='ginput_container ginput_container_consent'><input name='input_10.1' id='input_357_10_1' type='checkbox' value='1' aria-describedby="gfield_consent_description_357_10 gfield_description_357_10" aria-required="true" aria-invalid="false" /> <label class="gfield_consent_label" for='input_357_10_1' ><span style="font-size:14px; margin:10px 0; display:block;">Ho preso visione dell’informativa. <a class="button togglePrivacy" data-toggle="collapse" data-target="#toggleNewsletterPolicy">Leggi qui</a></span></label><input type='hidden' name='input_10.2' value='&lt;span style=&quot;font-size:14px; margin:10px 0; display:block;&quot;&gt;Ho preso visione dell’informativa. &lt;a class=&quot;button togglePrivacy&quot; data-toggle=&quot;collapse&quot; data-target=&quot;#toggleNewsletterPolicy&quot;&gt;Leggi qui&lt;/a&gt;&lt;/span&gt;' class='gform_hidden' /><input type='hidden' name='input_10.3' value='1' class='gform_hidden' /></div><div class='gfield_description gfield_consent_description' id='gfield_consent_description_357_10'><div class="collapse" id="toggleNewsletterPolicy"><br /> <p>La presente Informativa viene resa ai sensi e per gli effetti dell&rsquo;art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito &ldquo;GDPR&rdquo;), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.</p><br /> <p><u><strong>Base giuridica e finalit&agrave; del trattamento</strong></u></p><br /> <p>I dati personali raccolti col presente form saranno trattati al solo scopo di inviarLe via e-mail, come da Sua richiesta, newsletter (di seguito &ldquo;Newsletter&rdquo;). La base giuridica consiste nella necessit&agrave; per la suddetta finalit&agrave;.</p><br /> <p><u><strong>Periodo di conservazione dei dati</strong></u></p><br /> <p>I Suoi dati personali saranno trattati sino alla Sua eventuale richiesta di interruzione del servizio e, comunque, per il tempo strettamente indispensabile al perseguimento delle sopra indicate finalit&agrave;, trascorso il quale saranno cancellati o resi anonimi.</p><br /> <p><u><strong>Natura del conferimento dei dati e conseguenze in caso di rifiuto</strong></u></p><br /> <p><a name="_GoBack"></a> Il conferimento dei dati &egrave; facoltativo. Il rifiuto di fornire i dati comporta l&rsquo;impossibilit&agrave; di ottenere il servizio di Newsletter.</p><br /> <p><u><strong>Ambito di comunicazione dei dati e categorie di destinatari</strong></u></p><br /> <p>Esclusivamente per le finalit&agrave; sopra specificate, tutti i dati raccolti ed elaborati potranno essere comunicati a figure interne autorizzate al trattamento in ragione delle rispettive mansioni, nonch&eacute; a societ&agrave; terze o altri soggetti, che svolgono attivit&agrave; in outsourcing per conto del Titolare in qualit&agrave; di responsabili del trattamento; i Suoi dati non saranno in ogni caso oggetto di diffusione.</p><br /> <p><u><strong>Trasferimento dati verso un paese terzo e/o un&rsquo;organizzazione internazionale</strong></u></p><br /> <p>I Suoi dati personali non saranno oggetto di trasferimento presso Paesi Terzi non europei.</p><br /> <p><u><strong>Diritti degli interessati </strong></u></p><br /> <p>Lei ha il diritto (v. artt. 15 -22 del GDPR) di chiedere alla ns. Societ&agrave; di accedere ai Suoi dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, nonch&eacute; di ottenere la portabilit&agrave; dei dati da Lei forniti solo se oggetto di un trattamento automatizzato basato sul Suo consenso o sul contratto. Lei ha anche il diritto di proporre reclamo all&rsquo;autorit&agrave; di controllo competente in materia, Garante per la protezione dei dati personali.</p><br /> <p><u><strong>Soggetti del trattamento</strong></u></p><br /> <p>&Egrave; disponibile, presso i titolari del trattamento dati sotto indicati, il contratto che regolamenta il rapporto di co-titolarit&agrave; del dato sottoscritto da <strong>Fondazione ADVAR ONLUS</strong> e <strong>Associazione Assistenza domiciliare volontaria Alberto Rizzotti ONLUS. </strong>Lei potr&agrave; esercitare i suoi diritti inviando apposita istanza scritta a:</p><br /> <ul><br /> <li><br /> <p><strong>Fondazione ADVAR ONLUS </strong>con sede via Fossaggera 4/c, a Treviso, alla c/a del titolare del trattamento dati contattabile come tale al seguente inviando apposita istanza scritta all&rsquo;indirizzo sopra fornito oppure scrivendo all&rsquo;indirizzo mail privacy@advar.it</p><br /> </li><br /> <li><br /> <p><strong>Associazione Assistenza domiciliare volontaria Alberto Rizzotti ONLUS </strong>con sede via Fossaggera 4/c, a Treviso, alla c/a del titolare del trattamento dati contattabile come tale al seguente inviando apposita istanza scritta all&rsquo;indirizzo sopra fornito oppure scrivendo all&rsquo;indirizzo mail privacy@advar.it</p><br /> </li><br /> </ul><br /> <p><br /><br /></p><br /> <p><u><strong>Responsabile della protezione dei dati/data protection officer</strong></u></p><br /> <p>Il Responsabile della protezione dei dati/data protection officer (RPD/DPO) &egrave;:</p><br /> <ul><br /> <li><br /> <p>Per <strong>Fondazione ADVAR ONLUS</strong> il DPO &egrave; <strong>UNINDUSTRIA SERVIZI &amp; FORMAZIONE TREVISO PORDENONE S.C.AR.L.</strong> contattabile come tale al seguente indirizzo mail dpo@advar.it</p><br /> </li><br /> </ul><br /> <p><br /><br /></p><br /> <p>Presa visione della sopra esposta informativa, l&rsquo;Utente chiede di essere iscritto al servizio di Newsletter di <strong>Fondazione ADVAR ONLUS</strong> e autorizza quest&rsquo;ultima all&rsquo;invio di e-mail a tale scopo.</p><br /> </div><br /> <br></div></li></ul></div> <div class='gform_footer top_label'> <input type='submit' id='gform_submit_button_357' class='gform_button button' value='Prenoto la mia partecipazione' onclick='if(window["gf_submitting_357"]){return false;} if( !jQuery("#gform_357")[0].checkValidity || jQuery("#gform_357")[0].checkValidity()){window["gf_submitting_357"]=true;} ' onkeypress='if( event.keyCode == 13 ){ if(window["gf_submitting_357"]){return false;} if( !jQuery("#gform_357")[0].checkValidity || jQuery("#gform_357")[0].checkValidity()){window["gf_submitting_357"]=true;} jQuery("#gform_357").trigger("submit",[true]); }' /> <input type='hidden' name='gform_ajax' value='form_id=357&amp;title=&amp;description=&amp;tabindex=0' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='is_submit_357' value='1' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='gform_submit' value='357' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='gform_unique_id' value='' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='state_357' value='WyJ7XCIxMC4xXCI6XCJhYWY1N2I5YjE2ZDVkMThmM2U3YjEyNjUxMzEzMzU1NFwiLFwiMTAuMlwiOlwiZDYxZGEyN2Q0MDI5NmQ0YjE2NjFkMzY0NzVhNDhkYjFcIixcIjEwLjNcIjpcImFhZjU3YjliMTZkNWQxOGYzZTdiMTI2NTEzMTMzNTU0XCJ9IiwiYzg3OTczZDI0ODE1ZmM0Mjc5MjhmNDU5MDU2MWE3ZGYiXQ==' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='gform_target_page_number_357' id='gform_target_page_number_357' value='0' /> <input type='hidden' class='gform_hidden' name='gform_source_page_number_357' id='gform_source_page_number_357' value='1' /> <input type='hidden' name='gform_field_values' value='' /> </div> </form> </div> <iframe style='display:none;width:0px;height:0px;' src='about:blank' name='gform_ajax_frame_357' id='gform_ajax_frame_357' title='Questo iframe contiene la logica necessaria per gestire Gravity Forms con Ajax.'></iframe> <script type="text/javascript"> gform.initializeOnLoaded( function() {gformInitSpinner( 357, 'https://www.advar.it/wp-content/plugins/gravityforms/images/spinner.svg' );jQuery('#gform_ajax_frame_357').on('load',function(){var contents = jQuery(this).contents().find('*').html();var is_postback = contents.indexOf('GF_AJAX_POSTBACK') >= 0;if(!is_postback){return;}var form_content = jQuery(this).contents().find('#gform_wrapper_357');var is_confirmation = jQuery(this).contents().find('#gform_confirmation_wrapper_357').length > 0;var is_redirect = contents.indexOf('gformRedirect(){') >= 0;var is_form = form_content.length > 0 && ! is_redirect && ! is_confirmation;var mt = parseInt(jQuery('html').css('margin-top'), 10) + parseInt(jQuery('body').css('margin-top'), 10) + 100;if(is_form){jQuery('#gform_wrapper_357').html(form_content.html());if(form_content.hasClass('gform_validation_error')){jQuery('#gform_wrapper_357').addClass('gform_validation_error');} else {jQuery('#gform_wrapper_357').removeClass('gform_validation_error');}setTimeout( function() { /* delay the scroll by 50 milliseconds to fix a bug in chrome */ jQuery(document).scrollTop(jQuery('#gform_wrapper_357').offset().top - mt); }, 50 );if(window['gformInitDatepicker']) {gformInitDatepicker();}if(window['gformInitPriceFields']) {gformInitPriceFields();}var current_page = jQuery('#gform_source_page_number_357').val();gformInitSpinner( 357, 'https://www.advar.it/wp-content/plugins/gravityforms/images/spinner.svg' );jQuery(document).trigger('gform_page_loaded', [357, current_page]);window['gf_submitting_357'] = false;}else if(!is_redirect){var confirmation_content = jQuery(this).contents().find('.GF_AJAX_POSTBACK').html();if(!confirmation_content){confirmation_content = contents;}setTimeout(function(){jQuery('#gform_wrapper_357').replaceWith(confirmation_content);jQuery(document).scrollTop(jQuery('#gf_357').offset().top - mt);jQuery(document).trigger('gform_confirmation_loaded', [357]);window['gf_submitting_357'] = false;wp.a11y.speak(jQuery('#gform_confirmation_message_357').text());}, 50);}else{jQuery('#gform_357').append(contents);if(window['gformRedirect']) {gformRedirect();}}jQuery(document).trigger('gform_post_render', [357, current_page]);} );} ); </script>