Assistenza

Assistenza a domicilio

Un supporto medico e umano a casa

PER SENTIRSI BENE NELLA PROPRIA QUOTIDIANITA’, ACCANTO AI PROPRI AFFETTI.
L’assistenza domiciliare è uno dei servizi cardine dell’attività dell’Associazione.

Clicca qui per richiedere informazioni sull’assistenza domiciliare

E’ una scelta che riflette sensibilità e attenzione. Poggia sulla consapevolezza di quanto possa essere positivo per chi soffre, vivere questa esperienza così impegnativa nel calore della propria casa, tra gli ambienti e le cose che gli sono più care, accanto ai propri famigliari.
L’equipe medico-infermieristica svolge il suo intervento direttamente al domicilio del malato con accessi, se necessario, anche giornalieri.

Per dare una risposta globale alle esigenze del malato e dei suoi famigliari, Advar si avvale del lavoro di due equipes multidisciplinari specializzate: una per l’assistenza domiciliare e una per l’assistenza presso la Casa dei Gelsi, coordinate dal responsabile sanitario il Dottor Antonio Orlando.

Ogni equipe è composta da:

Direttore sanitario Dr. Orlando, medico oncologo palliativista.

Il medico possiede una formazione in Cure Palliative e propone il tipo di intervento terapeutico ed assistenziale più adatto al malato con particolare attenzione ai sintomi ed alla qualità della sua vita, nel rispetto delle volontà del malato e in relazione con il nucleo familiare e in stretta collaborazione con l’infermiere. A domicilio, in contatto e in accordo con il medico di famiglia visita il malato con regolarità e garantisce la reperibilità sulle 24 ore 7 giorni su 7.

L’infermiere provvede alla rilevazione e alla gestione dei bisogni infermieristici del malato, mette in atto le terapie proposte dal medico, si occupa di accompagnare i famigliari nel percorso assistenziale. A domicilio garantisce la reperibilità sulle 24 ore, tutti i giorni. La frequenza delle visite può andare da un minimo di una alla settimana fino ad arrivare ad una o più visite giornaliere in caso di necessità.

Operatore socio sanitario (OSS) collabora con gli infermieri e i familiari nell’igiene e nell’accudimento. Questa figura può essere inserita nell’assistenza domiciliare e può garantire da uno a tre accessi settimanali, secondo il bisogno e la disponibilità.

Fisioterapista cura, insieme agli operatori, le corrette posture del malato seguendone anche il mantenimento. Si dedica, in modo particolare, alla mobilità valutandola nelle attività di vita quotidiana. Facilita la possibilità di deambulazione, fornendo anche gli ausili adeguati. Pratica una forma di massaggio rilassante e il tocco rilassamento insieme alla psicologa.

Servizio psicologico Supporta e orienta il lavoro degli operatori e dell’equipe, è a disposizione del malato e dei familiari per colloqui di supporto e orientamento.

Volontario è una figura non sanitaria, selezionata, formata e supervisionata attraverso un percorso specifico, disponibile per un’attività di presenza e sostegno al malato e ai familiari. A domicilio la sua presenza può collaborare nell’assistenza con il familiare, dargli la possibilità assentarsi, supportare il malato in sofferenza psicologica, offrire al malato e al familiare uno spazio di relazione ed evasione, consentire al malato di mobilizzarsi più spesso.

IMPORTANTE:

Le cure palliative sono riconosciute in Italia con la legge 38/2010 come un diritto per ogni cittadino che dovesse averne necessità.

Per i malati tali cure sono gratuite, in quanto rientrano tra le prestazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale, in forza di una convenzione tra la Fondazione ADVAR Onlus e l’Azienda Sanitaria di Treviso, che copre parte dei costi sostenuti da Advar.  Il restante importo viene garantito da ADVAR.

 

EMERGENZA COVID-19 ADVAR C’è. COME SEMPRE NELLE CASE DEI NOSTRI MALATI

Consapevoli del rischio e agendo con grande senso di responsabilità, continuiamo a prenderci cura dei malati più fragili e delle loro famiglie, in questo momento ancor più vulnerabili e smarriti del solito. Lo facciamo andando ogni giorno nella casa di tante persone, nell’ambiente più “protetto” e caro per loro, ma anche più pericoloso per noi.

Stiamo lavorando a pieno regime, nel rispetto delle disposizioni delle autorità: i malati oncologici che non possono più essere curati vengono dimessi in numero crescente dalle strutture sanitarie del territorio, che devono affrontare l’emergenza COVID-19.

Noi li prendiamo in carico e, insieme alle loro famiglia, li mettiamo al centro dei nostri servizi perché sono già molto fragili e non dev’essere messo a rischio il loro diritto a vivere anche gli ultimi momenti di vita con dignità e nel conforto dei propri affetti.

Il nostro operare è già, di natura, molto impegnativo e l’uso dei dispositivi di protezione unito all’esigenza di ridurre al minimo i contatti fisici, snaturano in parte quel nostro modo di stare vicino ai nostri malati: ma è nostro dovere garantire sollievo e cure amorevoli, supporto relazionale e appoggio psicologico perché, anche se al momento via telefono, dialogare con le nostre psicologhe li aiuta ad allevia almeno un po’ paure e senso di solitudine

L’emergenza finirà e insieme ne usciremo più forti di prima, speriamo TUTTI più consapevoli che le persone valgono sempre e ogni giorno è importante. ADVAR è da sempre e resterà un riferimento per la DIGNITA’ della VITA e noi siamo orgogliosi di farne parte.

Emergenza Coronavirus ADVAR C’è e continua ad essere nelle case delle famiglie che ne hanno bisogno. Ogni giorno, 365 giorni all’anno. COME SEMPRE.

Per garantire questa contiuità abbiamo bisogno di TE. Sostieni il nostro lavoro, sostieni l’assistenza domiciliare ADVAR

SOSTIENICI E AIUTACI A GARANTIRE QUALITA' E CONTINUITA' DI CURA

La solidarietà è un dono che attraversa il tempo.


Lasciti Testamentari
Solidali

Leggi di più